Forzare il salvataggio di una riga con le Windows Azure Table

di , in Windows Azure,

Lo storage basato su tabelle offerto da Windows Azure è un servizio che ci permette di memorizzare e interrogare in tabelle e colonne attraverso OData, e quindi con chiamate REST supportate da qualsiasi piattaforma.

Dato l'approccio disconnesso, quando recuperiamo un'entità, effettuiamo una modifica e la salviamo, siamo sottoposti a problemi di concorrenza. Altre richieste potrebbero modificare l'entità prima di noi ed è importante considerare anche questa possibilità. Per questo scopo i servizi REST delle table utilizzano l'header ETag che rappresenta un timestamp dell'entità: quanto la leggiamo ci viene restituito l'ETag, quando aggiorniamo o cancelliamo un'entità, passiamo l'ETag di riferimento. Questo permette all'engine server di comparare il timestamp e rifiutare l'operazione qualora il timestamp non coincidesse.

Ci sono situazioni però, in cui vogliamo forzare l'aggiornamento, senza porci il problema di eventuali concorrenze. Per fare questo possiamo passare come ETag il valore asterisco (*). Se utilizziamo le API .NET, per aggiornare o cancellare un'entità, dobbiamo fare l'attach dell'entità specificando, con un overload apposito, l'ETag. Nello snippet seguente è mostrato come fare:

// Ricostruisco l'oggetto
var m = new MyEntity();
m.ID = 2;
m.Name = "Test";
// Inserisco nel contesto l'entità
ctx.AttachTo("Entities", m, "*");
// Marco l'entità come aggiornata
ctx.UpdateObject(m);
// Salvo i cambiamenti
ctx.SaveChanges();

Nel caso in cui l'entità sia già presente nel contesto corrente, è sufficiente fare prima il Detach e procedere con il nuovo AttachTo, come nell'esempio precedente.

Commenti

Visualizza/aggiungi commenti

Forzare il salvataggio di una riga con le Windows Azure Table (#312) 1010 2
| Condividi su: Twitter, Facebook, LinkedIn, Google+

Per inserire un commento, devi avere un account.

Fai il login e torna a questa pagina, oppure registrati alla nostra community.

Approfondimenti

I più letti di oggi