Utilizzare il motore T4 per generare una classe di costanti in C#

di , in .NET Framework,

Uno degli utilizzi più comuni del motore T4 è quello di generare codice C# partendo da una sorgente dati. Spesso la sorgente dati è un file di configurazione o anche un database. In questo script supponiamo di avere una serie di parametri di configurazione sul database e di volerli accedere da codice. Una delle soluzioni è quella di creare una API che prende in input la chiave del parametro.

public T GetParameter<T>(string key){
  // codice di accesso al parametro
}

var value = GetParameter<string>("chiaveparametro");

Questo codice funziona benissimo ma presenta lo sconveniente di dover passare la chiave come stringa. Possiamo mitigare il problema creando una serie di costanti, ma quando le chiavi sono tante o quando ci sono più persone che possono aggiungerle diventa difficile la manutenzione. Utilizzando il motore di T4, possiamo creare un template che generi la classe di costanti così da rendere la manutenzione di questa classe estremamente semplice. Nel prossimo esempio vediamo come creare questo script.

<#@ template debug="true" language="C#" #>  
<#@ output extension=".cs" #>  

<# var keys = GetKeys(); #>  

class ParameterKey
{  

<# 
  foreach (string k in keys)  
  { 
#>  
    public const string <#= k #> =  "<#=k#>";
<# 
  } 
#>  
}

<#+ 
private string[] GetKeys()  
{  
    // codice ADO.NET per accedere al database e tornare le chiavi
}
#>



La cosa interessante da notare è l'utilizzo della sintassi <#+ #>. Un blocco di codice all'interno di questa sintassi è definito Class Feature Block e permette di inserire metodi e proprietà riusabili all'interno del template. Nel nostro caso abbiamo utilizzato questa sintassi per creare il metodo che recupera le chiavi dal database, ma possiamo creare qualunque tipo di metodo o proprietà possa servire.

Commenti

Visualizza/aggiungi commenti

Utilizzare il motore T4 per generare una classe di costanti in C# (#474) 1010 1
| Condividi su: Twitter, Facebook, LinkedIn, Google+

Per inserire un commento, devi avere un account.

Fai il login e torna a questa pagina, oppure registrati alla nostra community.

Approfondimenti

I più letti di oggi