Clonare un oggetto in .NET utilizzando il BinaryFormatter

di , in .NET Framework,

Nello script #492 abbiamo visto come creare un clone di un oggetto utilizzando la libreria JSON.NET. In questo script vedremo come effettuare la stessa operazione sfruttando le classi native presenti sia nel .NET Framework che nel .NET Core: MemoryStream e BinaryFormatter. BinaryFormatter si occupa di deserializzare l'oggetto nel MemoryStream e di serializzarlo successivamente in un nuovo oggetto. MemoryStream è uno storage temporaneo per la classe deserializzata.

Per poter sfruttare questa tecnica l'unica accortezza da avere è quella di marcare la classe da clonare con l'attributo Serializable. Se la classe a sua volta contiene membri il cu tipo è un'alatra classe, anche questa deve essere marcata con l'attributo Serializable. Inoltre, dobbiamo tener presente che questa tecnica non serializza le proprietà, ma i campi che rappresentano il vero stato di una classe.
Vediamo ora il codice.

public static T Clone<T>(this T source)
{
    if (!typeof(T).IsSerializable)
    {
        throw new ArgumentException("Parameter is not serializable", "source");
    }
 
    var formatter = new BinaryFormatter();
    using (var stream = new MemoryStream())
    {
        formatter.Serialize(stream, source);
        stream.Seek(0, SeekOrigin.Begin);
        return (T)formatter.Deserialize(stream);
    }
}

Il primo blocco verifica che l'oggetto sia serializzabile (cioè marcato con l'attributo Serializable) e in casi negativo lancia un'eccezione. Successivamente istanziamo il BinaryFormatter e il MemoryStream all'interno del quale serializziamo l'oggetto da clonare col metodo Serialize di BinaryFormatter.

Successivamente, riportiamo il cursore dello stream all'inizio col metodo Seek e infine deserializziamo lo stream in un nuovo oggetto col metodo Deserialize del formatter.

Commenti

Visualizza/aggiungi commenti

Clonare un oggetto in .NET utilizzando il BinaryFormatter (#494)
| Condividi su: Twitter, Facebook, LinkedIn

Per inserire un commento, devi avere un account.

Fai il login e torna a questa pagina, oppure registrati alla nostra community.

Approfondimenti

I più letti di oggi